Chi Sono

Ciao a tutti,

mi chiamo Thomas e sono un appassionato birrificatore casalingo o, come fa più “figo”,  un Homebrewer. Fate voi….

thomas muttiCome la stragrande maggioranza delle persone, almeno credo, ho iniziato questo percorso per scherzo mentre sorseggiando una birra con degli amici non è uscita la famosa frase:” Ma perché non proviamo a fare la birra?”

E così da quella lontana sera del 2009 partì una frenetica ricerca sul web per capire cosa fare visto che l’ignoranza in materia regnava sovrana. Mi imbattei subito nel problema attrezzatura, ingredienti e location…. La location fortunatamente la trovammo da un amico dotato di un grande spazio in campagna, per tutto quel che riguarda ricette e materie prime ci siamo affidati alla ricerca on line.

Da quei giorni di ricerche continue, che continuo a ricordare con immenso piacere, sono arrivato ad oggi, con molte cotte alle spalle e centinaia, ma che dico migliaia (!) di modifiche al mio impiantino che ormai è diventato un gioiellino di tecnologia fatta in casa… Tutte le modifiche sono autoprodotte e spero di poter in seguito fare degli articoli guida su come migliorare l’efficienza del processo di birrificazione e sulla costruzione di un impianto.

Dalla location improvvisata sono passato ad un locale di 100 metri quadri preso in affitto con due miei amici….La ristrutturazione mi ha portato via molto tempo ma ora posso sentirmi come un “proprietario di un birrificio”, una cosa impagabile! Molto bello è stato anche ottimizzare lo spazio a disposizione per rendere la produzione il più lineare possibile.

Dalle mie esperienze sul campo e dopo aver seguito qualche corso per Hombrewing nella mia zona (Jesi, Marche), ho capito di essere pronto per poter aprire un blog sull’argomento.

Nel febbraio 2016 ho deciso di approfondire le mie conoscenze frequentando il corso “Come diventare Birraio” al Centro di Eccellenza per la Ricerca sulla Birra (CERB) dell’università di Perugia.

DSC02497 copia

Museo del luppolo di Zatec

Lo scopo di questo blog è di avvicinare la gente al mondo della birrificazione, aiutarla nel risolvere i problemi iniziali e guidarli verso la birra perfetta! (sempre che esista).

Fare la birra in casa è una cosa bellissima ma se non sai come fare diventa una fatica immane, una perdita di tempo clamorosa….

Spero con le mie conoscenze di aiutarti e metterti nelle condizioni di ottenere una birra Artigianale degna di questo nome.

Dammi fiducia e non te ne pentirai!

Buona Birra a Tutti

Thomas

 

 

16 CommentsCommenta

  • complimenti davvero moooolto interessante. Scritto con umiltà che invoglia davvero sciogliendo i vari dubbi e superando i certi timori di sbagliare e buttare tutto.
    Continua ad incoraggiarci
    Grazie mille
    Lucia

  • Complimenti! Dopo 7 anni per motivi di spazi ho dovuto smettere, mi stava venendo di nuovo la voglia di riprendere, navigando sul web ho trovato il tuo sito con articoli veramente semplici interessanti e specifici.
    Navigata sul web approdando sul tuo sito ha aumentato la adrenalina e non sto nella pelle…. scusa devo andareee….
    Complimenti veramente…
    Buona birra a tutti…

  • Grande Thomas, meritati complimenti, trasmetti passione. Gli articoli sono molto interessanti, diretti e semplici.
    Continua così: ottimo!

  • Bravo Thomas,si vede che questa e’ una vera passione per Te…hai euforia e voglia di fare,cosa che dovrebbero avere tanti ragazzetti di adesso,,io sto iniziando come Tu hai fatto 8 anni fa ad immergermi in questo fantastico mondo….e Tu mi stai dando una grossa mano con le dritte ed indicazioni,quindi ti ringrazio di cuore e come base tengo sempre il tuo sito a portata di mano…in autunno faro’ poi corsi per vedere realmente come muoversi,,,grazie ancora e continua cosi’,,,

  • Ciao a tutti. Sono interessato ad iniziare a produrre birra a livello casalingo. Trovo il vostro sito Internet molto ben fatto ed interessante. Complimenti. Mi sorgono due dubbi. Ho notato che alcuni produttori ossigenano il mosto durante il travasano nel fermentatore. Tale pratica è necessaria? Altri produttori invece spiegano di non ossigenare il mosto durante il travaso nel fermentatore e di trasferire il liquido senza scombussolarlo eccessivamente. Inoltre non ho capito quando mettere lo zucchero nel mosto. È meglio durante la luppolatura o direttamente nelle bottiglie prima della chiusura? Grazie mille per una risposta. Saluti. Michele

    • L’ossigeno è fondamentale per il lievito perciò va inserito subito dopo aver trasferito il mosto nel fermentatore, se non hai a disposizione una bombola puoi chiudere il fermentatore e scuoterlo a più non posso per qualche minuto.
      Lo zucchero si usa per rifermentare dunque va messo prima di imbottigliare.

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *