Fare la Birra: 6 mosse vincenti

Add subtitle text

Fare la birra in casa è sicuramente piacevole e divertente ma esige sempre un rispetto ferreo delle regole, nulla di quello che viene fatto è lasciato al caso.

Dunque prima di divertirsi è fondamentale approcciarsi in modo quasi maniacale ad una ricetta ed è più facile se SAI COME FARLO!

La soddisfazione maggiore del fare la birra è inventare una ricetta: copiare ricette fatte anche se serve per fare esperienza non appagherà mai appieno chi vuole dire di saper fare la birra.

In più non sapremmo mai come si è arrivati a quel risultato, copiare ricette diventa solo un macchinoso esercizio di pratica comunque utilissimo e da fare. Ma quando il tempo passa e la pratica è stata fatta è ora di creare…

Per questo oggi voglio indicare le 6 mosse vincenti per fare la birra con una ricetta propria.

Non è niente di particolare e non svelerò nessun segreto, ma questa utilissima lista è la base che andrà ripetuta per sempre, senza questi passaggi la ricetta non potrà mai prendere una forma definitiva.

 

FARE LA BIRRA: SCACCO MATTO IN 6 MOSSE

Facciamo finta di voler creare una birra partendo da zero. Come mi muovo? Da che parte comincio?

La risposta si ottiene rispondendo a semplicissime domande in sequenza, ecco quali:

# 1 Che tipo di birra voglio produrre?

# 2 Che malti base e speciali voglio usare?

# 3 Che acqua userò? Quanta?

# 4 Che luppolo usare? 

# 5 Alta o Bassa fermentazione?

# 6 Quanta carbonazione dare alla mia birra?

Semplice no? Basta rispondere e la soluzione sarà sotto i tuoi occhi….

Analizziamo tutto più precisamente, ti aiuterà ancor di più nel raggiungimento dell’obiettivo finale in maniera ottimale. Un ottima Birra Artigianale!

#1 identificare le caratteristiche della birra

La prima cosa da definire quando si vuole fare la birra è individuare le caratteristiche che dovrà avere.

Come detto in precedenza qui siamo di fronte ad un interrogatorio in tutto e per tutto ma basta rispondere e siamo a cavallo.

Quale stile seguire?

Poi passiamo a pensare al lievito da usare. Un Ale? Un Lager?

Che grado alcolico dovrà avere? E perciò penseremo alla densità iniziale…

Quante IBU vogliamo raggiungere? Vogliamo una birra amara? Amarissima? O solo Profumatissima?

Che colore voglio trovare nel mio bicchiere?

Che sapori voglio nella mia birra?

Userò ingredienti speciali?

#2 determinare la lista dei malti

In base allo stile e alle cose dette in precedenza sarà facile capire quale malto base vogliamo utilizzare, un po’ più difficoltoso sarà pensare all’aggiunta di eventuali malti speciali.

Se li usiamo dobbiamo pensare in che proporzione dosarli.

Che tipo di ammostamento sarà necessario?

Per sapere la quantità pensiamo dunque alla densità che vogliamo raggiungere, di conseguenza arriveremo alla lista dei malti. Tenere d’occhio la densità.

#3 determinare quanta acqua usare e di che tipo

Quanta acqua usare?

Per rispondere pensare alle varie densità da raggiungere e al tipo di sparging che si vuole effettuare.

Quali sono le caratteristiche adatte al mio stile?

Voglio o devo fare un trattamento alla mia acqua?

Che impatto avranno queste aggiunte sul mio ammostamento?

#4 determinare la lista dei luppoli

Anche determinare quantità e qualità dei luppoli non è di semplice risposta, ma queste sono domande molto importanti e le risposte cambieranno tutto il risultato finale.

 

Per approfondire leggi anche il mio post: Il luppolo – Viaggio verso gli ingredienti

 

Che aroma desidero?

Che provenienza e tipo di luppolo voglio utilizzare?

Quanto amaro e di che tipo lo desidero?

Determinare dunque gli IBU su una birra è molto importante.

#5 scegliere il tipo di fermentazione

Che tipo di lievito userò?

Quanto lievito sarò necessario per un’ottima fermentazione?

Che temperatura mantenere?

Che tipo di fermentatore è meglio usare? Con gorgogliatore o senza?

Farò una sosta per il diacetile?

Lagerizzazione?

Anche qui molte sono le domande da porsi… La fermentazione va condotta sempre nel migliore dei modi, ne va della qualità della birra finita, anzi, una fermentazione mal eseguita non ci porterà ad avere una birra!

#6 scegliere quanta carbonazione dare alla birra

Come si servirà la mia birra?

Deve essere pronta per una certa data?

Quanto zucchero userò per il priming per raggiungere il giusto quantitativo di Co2?

Una birra deve essere frizzante, ma quanto? La rifermentazione in bottiglia è ideale per fare la birra, dona una frizzantezza naturale e molto piacevole.

 

SEGUI UNA DIREZIONE PRECISA

Fare la birra in questo modo rende possibile controllare l’intera ricetta, le operazioni “meccaniche” del fare la birra una volta imparate sono sempre le stesse e il tempo non può che migliorarle.

Fare una ricetta da sé invece è sempre mettersi alla prova, sperimentare, essere curiosi.

Usare ingredienti nuovi ad esempio può sembrare un azzardo ed una perdita di tempo ma una volta verificato che la ricetta da noi inventata è fattibile e di buon risultato la soddisfazione sarà tale da indurci a provare sempre cose nuove.

L’importante è sempre seguire queste semplici linee guida, le ricette anche se diverse tra loro si basano sempre su ingredienti, fermentazione, densità e temperature. Sta a noi in seguito scegliere quelle migliori e che si addicono meglio al nostro gusto personale.

 

LE CONCLUSIONI

In questo articolo ho parlato delle 6 mosse vincenti per fare la birra in casa.

La creazione di una ricetta prevede sempre una ben definita strategia per il successo del prodotto finito. Unito alla buona esecuzione delle tecniche di birrificazione, seguire queste regole, è la base per la buona riuscita della ricetta.

 

Leggi anche Come fare la birra in casa: Guida rapida e passaggi fondamentali

 

Hai letto l’articolo ma non sei ancora pronto a realizzare una tua ricetta?

Se sei all’inizio del percorso e devi ancora capire bene i passaggi per la produzione della birra ti invito a leggere i miei vecchi post e continuare  a cercare e leggere in giro per la rete, leggere qualche libro, ma soprattutto fare la birra il più possibile.

Ogni cotta lascia sempre un esperienza diversa, sia per gli ingredienti che variano sia perché anche realizzando sempre la stessa ricetta qualcosa durante il procedimento varierà e porterà ad un risultato leggermente diverso.

Saper riconoscere le differenze durante il processo è fondamentale e si può acquisire solo con l’esperienza. Per la realizzazione della ricetta invece serve conoscere bene gli ingredienti che andiamo ad usare e rispettare o meglio rispondere alle domande precedenti.

Se vuoi riprodurre delle ricette fatte da altri per imparare ti invito a visitare la sezione ricette condivise di BrewOnline 2.0, sono ricette di Homebrewers messe in rete e già sperimentate. Un buon punto di partenza!

Come sempre ti invito, se ti è piaciuto l’articolo, a commentarlo e condividerlo.

Iscriviti alla mia Newsletter, un piccolo gesto che per me significa molto, rappresenta che il lavoro che sto svolgendo serve a qualcuno!

Buona birra a Tutti

 

Autore Tutti i post

Thomas Mutti

Thomas Mutti

Sono un appassionato di Birra Artigianale ed Homebrewer da anni, il mio obiettivo è avvicinare la gente a questo mondo e mettere a disposizione le mie conoscenze per aiutarla a produrre una birra fatta in casa di qualità partendo da zero.

2 CommentsCommenta

  • Salve vorrei iniziare a fare birra artigianale ma non so completamente nulla in materia
    Può aiutarmi in questa avventura ? Grazie

    • Ciao, come inizio posso solo consigliarti di leggere bene tutti i miei articoli, se già non lo hai fatto…
      Si inizia sempre con delle letture ma alla fine la cosa migliore è sempre lavorare sul campo dunque prova a fare una cotta e vedi cosa succede, poi fatti sentire!
      A presto!

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *